mercoledì 29 ottobre 2014

Ti presento un amico.....Tiziana Rinaldi

Come gia vi ho detto, il mio lavoro parte spesso da una ricerca di immagini da dove prendere spunti ed osservare tecniche e particolari che arricchiscano le mie produzioni.
Questo mi permette di fare piacevolissimi 'incontri' e conoscere artisti, creativi , artigiani che mi portano a migliorarmi nel lavoro e ampliare i miei panorami in materia.

Una delle autrici che ha acceso in maniera particolare la mia attenzione e la mia fantasia e' senza dubbio Tiziana Rinaldi, pittrice toscana dal talento poetico...
I suoi paesaggi e i suoi personaggi mi hanno attratto in modo immediato e trasportato nel suo mondo magico che spesso cerco di riproporre, a mio modo, anche nelle creazioni che nascono in Bottega.

Credo non ci sia modo migliore per presentarvela se non usando le sue parole e qualche immagine dei suoi lavori:


"Sono nata in una casa di mare, un giorno di fine autunno, all’ora del tè.
Nella stanza, il mio minuscolo presepe personale era fatto di quattro donne, tutte in attesa di me.
Nella casa di mare, del piccolo paese di mare, ho passato la mia infanzia felice.
In inverno il vento graffiava i muri e spazzava la polvere dalle vie.
Con lunghe sciarpe attorcigliate attorno al collo, io uscivo pure con la tramontana seria di gennaio, e conoscevo tutti.
Quando non uscivo, imparavo a fischiare e a giocare a briscola e rubamazzo, sotto la guida dimia nonna, maestra di fischio, di giochi di carte facili, e molto altro.
Poi ho scoperto che con un foglio e il colore giallo, potevo creare i girasoli che avevo visto un giorno di prima estate.
Da allora non ho più smesso, né di creare girasoli, né di fischiare.
Ho smesso invece di giocare a rubamazzo e briscola, ma potrei sempre riprendere, prima o poi.
Da grande vivo ancora in un paese di mare.
Nella mia casa si aggirano un barbuto nato in Giugno, una gatta scontrosa, una pecora da guardia, e due galline che non fanno mai uova.
Tuttora esco anche con la tramontana seria, indossando lunghe sciarpe constrictor.
Quando non esco bevo tè, guardo fuori dalle finestre, e poi mi siedo al mio tavolo da lavoro
Ovviamente, tutto questo, fischiando.
E quando infine, finalmente, sono seduta al tavolo, mi torna sempre in mente che col giallo posso creare un campo di girasoli.
E con tutti gli altri colori il mondo intero."

Tra le altre cose, e' anche autrice di meravigliosi libri illustrati (il mio preferito e' Ninablu) ...

Se volete saperne di più :








2 commenti:

  1. grazie Alessandra! che piacere essere ospite nella tua bottega.
    si sta bene qui, c'è calore. mi guardo attorno e mi sento a casa :)
    un abbraccio,
    Tiziana

    RispondiElimina