lunedì 14 dicembre 2015

Il mio 2015 in Bottega

Tra una consegna di Natale e l'altra, ecco finalmente l'ultimo post del 2015.
Un anno intenso, ricco di cambiamenti, nuovi progetti e un rinnovato entusiasmo;  e la Bottega  ha trovato finalmente la sua casa, in un bel laboratorio condiviso.
Tanto impegno e tanta fatica, ma ne' e' sempre valsa la pena....
Ed è per questo che voglio dire grazie a chi ha condiviso questo con me, a chi sceglie le mie creazioni per i suoi regali speciali , a chi mi segue suoi social e con cui scambio idee e consigli preziosi, a Sara, Roberta, Raffaella e tutte le "colleghe" virtuali , a Gioia Gottini (andate a dare uno sguardo al suo sito      
http://gioiagottini.com/ ) prezioso faro nella nebbia della mia disorganizzazione cronica.


Saluto il duemila quindici con un sorriso, e auguro a me e a tutte voi un anno nuovo di crescita e positività

giovedì 8 ottobre 2015

Nuovo laboratorio, nuove collaborazioni...tante novità in Bottega!




È arrivato l'autunno....cambiano le foglie sugli alberi , facciamo il cambio dell'armadio, tra poco cambia l'ora (da legale a solare, o viceversa, non me lo ricordo mai!) e cambia anche la Bottega...
Ancora qualche giorno e inizia la fase trasloco!

A fine ottobre chiuderò definitivamente il punto vendita di via Carlo Alberto, a Santa Teresa, ma il lavoro della Bottega va avanti e potrete continuare a comprare le mie creazioni; come? Dove?
Semplice, facciamo un po' d'ordine e vi spiego tutto...

1) il laboratorio
Sono felice di comunicarvi che per il mese di novembre io e i mei scatoloni carichi di colori e pennelli ci trasferiremo in un nuovo locale, nella meravigliosa cornice della piazza di Santa Lucia, quartiere storico e pittoresco di Santa Teresa, e che non sarò sola! Ho infatti due nuovi compagni di avventura, il fotografo Fausto Ligios e l'eclettica artista Chiara Seghene, con cui condividerò spazi, idee e progetti; sarà la mia piccola officina con spazio espositivo e organizzeremo corsi e laboratori creativi.

2) i vostri acquisti
Lo shop online è sempre aperto   http://it.dawanda.com/mydawanda  (potete accedere anche da questo blog e dalla pagina Facebook)








Inoltre , per tutti i clienti di Santa Teresa e dintorni, troverete una selezione delle mie creazioni da Magie di Fiori https://www.facebook.com/pages/Magie-di-fiori/526795197460680  in via Santa Lucia 1 

3) i vostri ordini
per le creazioni personalizzate potete contattarmi alla pagina facebook
facebook.com/labottegadellastrega oppure mandarmi una mail all'indirizzo labottegadellastrega@gmail.com oppure lasciare un commento qua sul blog.

Tutto chiaro vero? e allora mi rimbocco le maniche, e inizio a riempire gli scatoloni....




venerdì 12 giugno 2015

Un colorato appendino per elastici e forcine



Barbara è un'amica di vecchia data, e ora anche un'affezionata cliente della Bottega; qualche tempo fa mi ha chiesto di inventare qualcosa per tenere in ordine gli accessori per capelli di Chicca e Stefi, le sue due simpatiche nanette.....

Chi ha bimbe a casa sa perfettamente che elastici e forcine sono sempre ovunque, tranne essere al posto giusto nel momento in cui servono, vero?


Ecco allora un sacchetto di tela dove riporre gli elastici, e fettucce colorate come supporto per forcine e mollette...

Con la graffettatrice li ho fissati ad un supporto in legno, una graziosa miniatura di casetta degli uccellini...






e l'appendino è pronto , per il bagno o la camera delle bimbe!
Disponibili in Bottega, in varie tonalita di colore:)


martedì 2 giugno 2015

Ti presento un amico....janas deco'



Solitamente in questa rubrica parlo di creativi scoperti  online, nella mie continue ricerche di spunti, idee e novità....
Anna invece l'ho conosciuta di persona qualche anno fa, una sorridente ragazza piena di energia che si divideva tra un ufficio di consulenza, il suo splendido bimbo all'epoca molto piccolo e gli studi universitari ....una tipina piena di forza e positività ...
oggi vive a Bologna, si è sposata ,laureata , la famiglia è' cresciuta e lei si è buttata a capofitto nella meravigliosa avventura di Janas deco' ...

Ma chi meglio di lei può raccontarci questa storia?
" Janas  Decò è nata dall'idea di Mattia , mio figlio più grande, perchè due anni fa mi chiamava la "fatina delle feste" dato che mi piaceva organizzare e rendere personale ogni festa... ero sempre pronta ad organizzarne una...Da lì l'idea di aprire uno shop on line, un pò per gioco, per impegnarci insieme a riempire i week end invernali con qualcosa di creativo.
Perchè Janas Decò? Volevo geolocalizzarmi :-) anche se ormai vivo a Bologna e sono residente qui, mi sento sempre sarda e volevo che il nome del mio shop SU etsy ricordasse le mie origini. 
Janas sta per "fatina" come mi chiamava Mattia e "Decò "per decorazione.
(L'icona è stata realizzata da mia cugina (per metà teresina) Silvia Raga, che è una grafica, illustratrice  che tra l'altro è una blogger per CASA FACILE.)
Nel frattempo avevo un pò abbandonato il mio lavoro come sceneggiatrice perchè essendo nato Davide da poco, non avevo una gran testa per occuparmi di quello e in più le richieste, come in tutti i settori, erano calate.

 A Natale di due anni fa mi viene l'idea di cucire la carta per creare delle ghirlande proprio come volevo io e mia mamma, Pina, non si lascia sfuggire l'occasione di regalarmi una macchina da cucire.
Lì per lì super emozionata non sapevo neppure da che parte cominciare, ma un pò spinta dall'orgoglio (nonno Paolo era sarto) e dalla curiosità, ho provato e piano , piano ho iniziato ad acquistare tessuti, appassionarmi ai materiali, ai pattern, seguire il mio gusto facendolo combaciare anche alle esigenze moderne.
Alle feste e alle decorazioni, ho aggiunto anche accessori moda per donna e per i bimbi.
Da lì, ho disegnato dei modelli di pochette, borse, cluch, per le mamme e donne e invece per i bimbi, bavaglini bandana, coperte, sacchi nanna, cuscini come decorazione per la cameretta e fasciatoi da viaggio ecc... cercando di privilegiare tessuti organici certificati GOTS che usano tutti i cotoni non trattati e coloranti NON chimici, per il rispetto della pelle dei neonati.
Da lì  ho anche creato una linea di accessori per i cellulari (cover e custodie in tessuto) e tazze , tutto con immagini disegnate a computer, ispirandomi al design nordico, che personalmente mi piace tantissimo!

Ora mi sto lanciando in un'avventura più grossa che è quella di avere un sito con carrello, in cui anche chi non è iscritto su Etsy più acquistare qualsiasi prodotto... in più cercherò di gestire un piccolo blog in cui scriverò una storia che mi appartiene e mi emoziona tantissimo.... 
Insomma, mi sono creata un lavoro, scavando dentro di me e lasciando sfogare la creatività :-)
Nel frattempo non ho abbandonato la scrittura, scrivo sceneggiature e quando posso, impegni familiari permettendo sto sul set a fare qualche ripresa per i videoclip o qualche concerto... sì faccio pure quello!! (Mi porto i bimbi sul set)" 

non vi sta già simpatica?
per seguire le attività di Janas Deco questo è il link della pagina facebook https://www.facebook.com/ShopJANASdecoART    e se invece volete dare un'occhiata al suo negozio online lo trovate qua https://www.facebook.com/l.php?u=https%3A%2F%2Fwww.etsy.com%2Fit%2Fshop%2FJanasDeco%3Fref%3Dhdr_shop_menu&h=xAQE0ndZX

mercoledì 13 maggio 2015

Ti presento un amico :Amelie's


In una delle mie innumerevoli ricerche di immagini sul web alla ricerca di spunti, mi sono imbattuta nel bellissimo servizio fotografico  "le cirque de Amèlie " , curato da
https://www.facebook.com/fotografiedilelaporta e ho voluto subito scoprire cosa c'era dietro quelle immagini incantevoli.


Così ho conosciuto Diletta Castagna , una ragazza veronese di 28 anni e la meravigliosa piccola  Amèlie , musa ispiratrice del  marchio di abbigliamento Amèlie 's.
Diletta studia moda per 8 anni tra Verona e Milano, si laurea allo IED e parte per Londra, dove trova nuove idee per lo sviluppo dei suoi progetti ; di lì' a poco nasce la sua bimba, che ora ha due anni.
"Tutto è nato da un'esigenza, cercavo un cappellino nero da abbinare ad un vestitino di mia figlia, ma in giro nei negozi il nero non si trovava e ciò che il mercato mi proponeva non mi soddisfava, così ho deciso che con quello che avevo in casa al momento avrei provato a farle un cappellino nero!
Ho preso un leggins da gravidanza che avevo nell'armadio, ho tagliato un pezzo di gamba e.. due punti di qui, due punti di li e un bottone gioiello è nato un primo cappellino. Visto il risultato e il successo che ha avuto facendoglielo indossare, ho deciso di aprire la mia linea di abbigliamento e accessori per bambini. Ho iniziato a fare un'accurata ricerca di stoffe e materiali ed ho iniziato a dare sfogo alla mia fantasia ispirandomi alla mia piccola creatura e alle nostre esigenze."



E cosi tra pappe e pisolini di Amelie, nonni e bisnonna sempre pronti a dare una mano,ricerche di tessuti, cartamodelli , preventivi di spese e progetti per far crescere il marchio, nasce un atelier dove ogni bimbo può avere un vestitino creato appositamente per lui, un pezzo unico realizzato artigianalmente.

Io ci vedo un gusto eccezionale, l'amore per il proprio lavoro e un tocco di magia, di quella che solo i bimbi sanno regalare....
Date uno sguardo ad Amèlie 's sulla sua pagina Facebook https://www.facebook.com/AmeliesHandmadeinItaly

giovedì 7 maggio 2015

Melagra va a fare shopping....(o almeno ci prova)


È tornata dalla vacanza (se così la possiamo chiamare) , e dopo un giro di shopping è passata in Bottega...
Cosa c'è di meglio, direte voi....ma lei no, ha sempre da lamentarsi....




“Cara Melagra ben tonata!E come sei abbronzata!”
“Non sono abbronzata,ero in vacanza in miniera,non ti ricordi?Ti ho mandato anche una cartolina,quella con un masso gigante e con la scritta “Vorrei che tu fossi qui(sotto),ma evidentemente non hai colto il messaggio subliminale che ti volevo mandare.
“No cara,l’ho solo trovata tanto carina e l’ho appesa a casa!”
“Sei la solita.Io tornata dalla miniera mi sono accorta di aver rovinato tutti i miei vestiti e sono andata a fare shopping.Un incubo.Come fate?
Intanto non riuscirò mai ad abituarmi ai pantaloni.Mi sembra di infilare le gambe in due tubi.E ho la fobia che siano così rigidi da non riuscire a volare sulla scopa.E poi arrivano tutti alla caviglia.
E poi,non so se hai notato,ma cosa vuoi saperne tu,sempre chiusa in bottega a prendere la muffa,vanno di moda i vestiti monacali.
Con i colletti di pizzo e trina.Il prossimo anno anno andranno di moda le gorgere e girerete con i colli inamidati come Elisabetta I,solo perché è la moda.
E gli scamiciati da collegiale.Ma tu dimmi una cosa:io con la mia prorompente femminilità,con questi baffi e basette da urlo,posso andare in giro vestita da suora?L’effetto sarebbe quello della piccola fiammiferaia.
E poi sono entrata in un negozio e la commessa voleva propinarmi un giubbotto di piume a mezze maniche.Le ho chiesto:
“Ma a cosa serve,se ho freddo alle mani come faccio?”
E sai come mi ha riposta?
“Vanno di moda”
Vanno di moda?ma che risposta è?Allora se domani decido che va di moda attaccarsi una coda di volpe in fronte tutti giriamo travestiti da cacciatori?
“ma non capisci-dice la strega bottegaia-la moda è fatta da gente che studia tutta la vita per capire le tendenze!
“Tendenze una scopa rotta!E vogliamo parlare delle scarpe da tennis con gli abiti da sera?Tu perché sei una strega smemorata,ma mi ricordo chiaramente che al ballo a Versailles del 1765 gli abiti da sera si portavano con i tacchi,anche perché nessuno aveva le scarpe da tennis,anche perché il tennis non era mai stato inventato!
Io ho voglia di vestirmi come si deve,con vestiti che abbiano un utilità pratica,non a strisce,perché lo sai tu,anche se stai chiusa qua tutto il giorno a contare farfalle,che vanno di moda anche le righe?Come le divise dei carcerati!Però in negozio ti avvertono:se hai la pancia prominente o i fianchi larghi non le puoi portare,perché ti ingrossano.
Allora perché li vendono,mi chiedo io?
Perché va di moda,la solita risposta.
Non ne posso più,me ne torno a casa mia,dove i vestiti servono per coprirsi e non per mascherarsi.
Ah,prima di andare offrimi un caffè,posso usare questa caffettiera?”
“Ehmmm…Melagra,è finta,è un soprammobile non si puo’usare perchè…”
“Nooo anche qua da te?Almeno prestami un bottone che mi si è scucito il mantello…
“Non  posso cara,li uso per decorare i miei quadri e…”
“…e cosa?Non si abbinano alle mie corde vocali?AAAHHH basta me ne vado,non è possibile bla bla …”


mercoledì 6 maggio 2015

un regalo originale per l'anniversario di matrimonio...





Dieci anni fa una sposa con l'abito color pesca e un giovane elegante  ed emozionato si scambiano le promesse d'amore....oggi un'allegra famiglia con due belle bimbe, un cane e un gatto...

Mariapaola gironzola spesso in Bottega , e ci tiene a fare ai suoi amici un regalo personalizzato ed originale ai suoi amici che festeggiano il decimo anniversario di matrimonio, e allora cerchiamo un po' di foto , qualche buffa immagine di sposini ed ecco pronto il disegno...


Scegliamo insieme le dimensioni della tela, i colori da abbinare al contesto in cui verrà appeso il quadro ed ecco il risultato finale (regalo molto gradito)


giovedì 16 aprile 2015

Ti presento un amico: Roberta Terracchio Illustratrice

Il lavoro in Bottega mi porta a cercare di continuo nuovi spunti e ispirazioni, e a volte a fare incontri interessanti....
È' il caso di questo simpatico personaggio, protagonista di giornaliere avventure , nata dalla matita di Roberta Terracchio, talentuosa 25enne palermitana ....


Lei si presenta così:
"Aspirante illustratrice, sognatrice, amo i fogli bianchi, disegnare di getto e le amicizie vere. Come quella tra me e la mia matita, amiche sin dalla tenera età, insieme viviamo mille avventure.
La matita non è la mia sola compagna di avventura, infatti insieme con Carlo, Laura e Leandra ho creato il magazine  online sul mondo dell'illustrazione Ad un tratto. (aduntratto.com)
Amo disegnare senza pensarci troppo, trasportando ogni mia emozione sul foglio, raccontandomi,  così nascono gli sketch che pubblico online."
                                                               




 E così, a gennaio di quest'anno, nasce il progetto di 'Uno sketch al
giorno':
"La sfida è trovare un momento per disegnare (nei ritagli di tempo, come in pausa pranzo) e avere un'idea, un messaggio positivo, da condividere ogni giorno. Non è sempre facile, ogni tanto salto un giorno e - ammetto - con non pochi sensi di colpa, ma il giorno dopo torno carica con un nuovo sketch!!
La sfida va avanti, ma molti altri lunghi mesi aspettano di essere illustrati. La soddisfazione più grande sono i commenti e i "mi piace" di chi mi segue, sopratutto quando mi chiedono un libro di sketch, che ovviamente sarebbe la conclusione perfetta della sfida, ma intanto ammetto che il mio piccolo traguardo l'ho raggiunto: riuscire a regalare un sorriso a chi mi segue"

A me le sue illustrazioni sono piaciute davvero tanto (questa è la mia preferita)
 E se anche voi volete continuare a seguirla potete farlo sulla pagina Facebook e sul  sito robertaterracchio.it



sabato 11 aprile 2015

Piccoli deliziosi dettagli...



Fare un lavoro creativo significa avere quasi costantemente le tasche vuote (sigh!) ma ha tanti di quei lati positivi che a volte questo passa in secondo piano...

Da quando mi occupo a tempo pieno della Bottega sono cambiate tante cose , una è la mia percezione dei dettagli;
 per me è fondamentale la continua ricerca di spunti e ciò mi porta a conoscere altri creativi, illustratori pittori da cui cerco di imparare nuove cose....ciò che più mi colpisce e' il loro gusto per i dettagli,  che permette a un particolare azzeccato di rendere speciale un quadro o una decorazione.

E questo è quello che cerco   di riproporre nei miei lavori avendo cura di scegliere piccoli oggetti o disegni che fanno diventare un po' magiche le mie creazioni...



Così un portafoto diventa più dolce se alle mollettine aggiungo un cupcake , e gli scrigni più segreti con la scritta giusta ....


Se ti  piacciono  le creazioni della Bottega, puoi visitare lo shop online sulla home page di questo blog o alla pagina Facebook https://www.facebook.com/pages/la-bottega-della-strega/121433241211372?ref=bookmarks

mercoledì 1 aprile 2015

Melagra e il risveglio della primavera...





Mi stavo arricciando le basette davanti allo specchio quando mi sono accorta che da qualche tempo non ero la solita Melagra.
Non mi usciva più fumo dal naso,erano giorni che non emettevo più le mie risate malefiche e non mi raspavo più le unghie sul granito per limarmele.
Neppure mi ricordavo più quando era stata l’ultima volta che avevo spaventato un gruppo di signore che guardandosi allo specchio dei negozi si aspettavano di vedere riflessa la loro immagine e vedevano invece la mia (come se io fossi brutta ,ma le fa spaventare e questo è l’importante).
Stavo iniziando a preoccuparmi sul serio e avevo intenzione di andare dal vecchio stregone Barabattulo per una sana pozione ricostituente a base di Cattiveria Australe e Perfidia Boreale N°7 quando mi sono accorta dallo Spaventario di marzo che era arrivata,e senza che me ne accorgessi,la stagione più temuta dell’anno:LA PRIMAVERA.
Data la mia ricostituita amicizia con Alessandra,la Strega Voltafaccia Buonissima della Bottega,ho avuto un’orrenda premonizione e le ho telefonato.



" Ciao Melagra carissima come stai?”
“Come vuoi che stia?Malissimo,è iniziata la primavera.E ho immaginato che tu stessi già approfittando di quest’orrida stagione per rinnovare la bottega e dare sfogo alla tua mania di colorare tutto di rosa,azzurro e giallo”
“Esatto carissima,devi vedere che allegria qua in bottega:mi sono scrollata di dosso le ragnatele dell’inverno e ho dipinto quadretti,colorato uova,rinnovato caffettiere,appeso cuori,costruito scatole di legno con animaletti e…”
“Intanto le ragnatele non si scrollano,si mangiano- ho ribadito,irritata per questo spreco-e poi cosa vuol dire “colorato uova”?Hai trovato una gallina magica? “
“Ma no Melagra,ci si avvicina alla Pasqua, e qua sulla terra è tradizione regalare uova!Di cioccolato,di zucchero,oppure si appendono a casa per dare allegria!E così ho pensato anche di esporre gallinelle e coniglietti di pezza…perché non passi in Bottega a vederli?”
“Perché non ho voglia di farmi venire la dermatite da gioia,ecco perché.Ora devo riattaccare. Devo portare fuori Paturnio,il cane,e ho intenzione di prenotare una vacanza in miniera,dove almeno l’unico colore che vedrò sarà il nero”
“Mandami una cartolina allora cara!”
“Nemmeno per idea:con la mania di colore che hai tu riusciresti a far sembrare colorato anche un pozzo nero”

martedì 24 marzo 2015

Giocattoli didattici handmade





Samuel è un piccolo amico della Bottega , viene a a trovarci spesso, fa due coccole a Leo e ispeziona minuziosamente giochi e oggetti colorati...
Federica e Daniele sono i suoi giovani e simpatici genitori, per me il prototipo di clienti modello, che apprezzano il mio lavoro e scelgono con attenzione i regali per il loro piccolo.

Qualche tempo fa Federica mi chiede una "casetta montessoriana" , una tavola in legno (a forma di casetta , appunto) con passanti e chiusure per stimolare la manualita' del bambino;
 secondo diversi pedagogisti, tra cui naturalmente la nostra amata  Montessori, l'uso dei sensi e in particolari il tatto e l'udito sono coadiuvanti nello sviluppo dell'intelligenza e la creatività dei nanetti...


Dopo un po' di ricerche, scambi di foto , materiale e suggerimenti ecco il risultato finale:
un pannello in legno che si può appendere o appoggiare a cui ho applicato oggetti di uso comune che incuriosiscono i bimbi; interagendo con passanti, interruttori e cerniere si divertono un mondo!
E poi scatoline colorate , campanelli e deliziosi animaletti da staccare e riattaccare....




Se ti piace l'idea e ne vorresti una per il tuo bimbo contattami e studieremo insieme una versione personalizzata della tavola sensoriale!

venerdì 6 marzo 2015

Riciclo creativo: gli appendini colorati da mettere in cucina



In Bottega "riciclare"  è una parola d'ordine...
Dare una nuova vita a oggetti vecchi o poco utilizzati è ecologico, economico e divertente....come rinunciarci???


Ed ecco allora delle tavole di scarto recuperate da un falegname che diventano appendini colorati per presine e strofinacci da mettere in cucina, ma anche portachiavi, custodi di "calzini smarriti" in attesa di ritrovare i loro compagni , o ganci per riporre collare e guinzaglio del peloso di casa ...












Ho chiesto al falegname di tagliarmi le tavole, e dopo averle scartavetrate e dipinte con gli acrilici ho aggiunto viti, ganci e mollette; con la graffettatrice ho applicato sul retro un pezzo di spago robusto in modo da poterle appendere...ed ecco il risultato!




martedì 3 marzo 2015

Melagra e il suo nuovo amico




“Ho un cane”
ho tuonato entrando da Alessandra,la strega della bottega.
Ma lei come al solito era affancendata a fare qualche cosa.nello specifico stava seguendo una donna che era indecisa su due quadretti assolutamente identici ( per me): uno con una balena azzurra su sfondo blu e l’altro con una balena blu su sfondo azzurro.
“Sai-diceva la bipede pantalonata- non so davvero quale scegliere.Quella azzurra ha gli occhi di mio figlio Prudenzio,mentre quella blu ha gli occhi di mio marito Venanzio.Come faccio?Come scegliere senza offendere nessuno dei due?”
Mentre lei singhiozzava indecisa su questa scelta storica della sua vita, io distrattamente ho polverizzato uno dei due quadretti.é che davvero non sopporto vedere le persone che soffrono.
E le persone che frignano.
E le persone che singhiozzano.
Va bene,lo ammetto.
Le persone in generale.
Dopo averlo polverizzato e dopo che la frignona se n’era andata ho emesso una delle mie risate malefiche,che speravo facesse tremare di paura la strega ribelle,ma tutto quello che ho ottenuto è stata la solita baruffa con Leo,il cane,mentre lei, tinteggiando  il muro che avevo accidentalmente annerito,mi chiedeva:
“Melagra carissima!Quindi hai un cane?Oh che bello!Vedrai come cambierai,come ti cambierà la vita!”
“Perché devo cambiare?Sono perfetta così!”
“Ma certo cara!Comunque come ti posso aiutare?
“Non so dove appendere i serpenti a sonagli”
“I serpenti a sonagli?”
“Sì quelli che uso come guinzaglio.Non so veramente dove appenderli.Mi sembra crudele richiuderli in scatola,cerco qualcosa dove appenderli quando torno a casa con Paturnio,il cane.
Hai qualcosa da propormi?”
“Guarda Melagra,ho questo simpatico e colorato porta guinzaglio”
E in un batter d’occhio mi mostra una cosa orribile.Un porta guinzaglio colorato con su scritto “I love my dog” ,con un cuoricino al posto della “o”di love.
Questa volta non sono scappata subito.Avevo il solito prurito nella zona del pancreas a causa di tutti quei colori,ma le ho fatto una proposta:
“Senti,Strega altalenante ,facciamo così:tu mi fai lo stesso porta guinzaglio ma nero,con due ami da pesca al posto dei sostegni e decorato con ragnatele.
Vere.
E  ordinerò anche un cartello da appendere sulla porta: “LA PADRONA MORDE Più DEL CANE”.
E sono scappata.Portandomi via il cappelo questa volta.
AH AH AAAAAHAHAHAHA"

L'album dedicato ai nostri amici a 4 zampe puoi vederlo a questo link:
https://www.facebook.com/media/set/?set=a.594846263885488.1073741831.100000803588881&type=1&l=f568cdc11a
Vieni a fare un giro in Bottega!











mercoledì 25 febbraio 2015

Ti presento un amico ....Raffaella e il suo B&b, a Palermo




oggi un post diverso dal solito....non vi presento artisti o creativi, ma un bed and breakfast nel centro di Palermo!
O meglio vi presento Raffaella, che insieme al suo compagno e' volata dalla Sardegna,  approdata in Sicilia e ha deciso di aprire agli ospiti le porte di casa sua; si, perché è proprio questa l'essenza del suo lavoro: offrire un servizio di pernottamento e prima colazione (buonissima e abbondante, e soprattutto a km Zero) , insieme  alla gentilezza e alla voglia di nuove conoscenze e scambi che arricchiscono entrambi, ospite e padroni di casa.
 Potete fare colazione con lei ed il compagno, far giocare i vostri piccoli insieme al nanerottolo di casa , raccontarle cosa avete visto di bello a Palermo il giorno prima e farvi consigliare posticini insoliti e interessanti da chi la città la vive sempre...
Perciò, se passate da quelle parti, per lavoro o per piacere, ricordatevi di prenotare al B&B piccola Sicilia!










Per saperne di più andate a sbirciare sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/PiccolaSiciliaBB oppure sul sito http://www.piccolasicilia.it/